La Visualizzazione dell'Opponente nel Tai Chi Chuan

 

 

Una volta che uno studente ha raggiunto un livello più avanzato, il corpo inizierà naturalmente ad adottare molti dei principi fondamentali del Tai Chi Chuan. Quando il praticante è in grado di dimostrare che sia la sua mente che il suo corpo hanno una buona comprensione di cose come la connessione, la separazione, la spirale, il corpo sarà in grado di muoversi in modo tale che gli arti saranno alimentati da rotazioni che si verificano in diverse parti del corpo. Una volta raggiunto questo obiettivo, il passo successivo è che lo studente apprenda meticolosamente le varie applicazioni. In questa fase del processo, lo studente dovrà sperimentare e perfezionare tutte le sue conoscenze e comprensioni e iniziare ad applicarle a situazioni reali. Ciò contribuirà a consolidare la comprensione generale dei diversi movimenti della forma man mano che la loro funzione e il loro scopo diventeranno progressivamente più chiari. Questo è il punto in cui tutto inizia finalmente ad avere un senso.

 

Se uno studente non ha superato le fasi iniziali del processo di apprendimento del Tai Chi e di trasformazione del corpo, mancherà della capacità di muoversi secondo i principi della nostra arte. Se uno non possiede le basi, le spiegazioni seppur dettagliate a ciascuna domanda saranno probabilmente fraintese e, cosa più importante, non potranno essere messe in pratica dal corpo dello studente.

 

Imparando la funzione di ogni applicazione si diviene in grado di correggere eventuali discrepanze nella coreografia della forma, poiché la funzione specifica degli arti diventerà più evidente. Solo una volta appresa una conoscenza di base di ciascuna applicazione, lo studente sarà in grado di iniziare a visualizzare un avversario durante la pratica delle forma.

 

Una delle maggiori differenze che si notano quando si inizia a fare la forma mentre si visualizza un avversario è la funzione delle mani. La maggior parte delle persone non si rende conto che il posizionamento accurato delle mani è cruciale in questa fase. Poiché le mani sono gli strumenti primari che avviano la connessione con il corpo dell'opponente, sono un fattore importante nell'esecuzione corretta di qualsiasi applicazione.  Le mani possono, ad esempio,  afferrare un polso dell'altro, reindirizzare un colpo in arrivo, spingere o mettere in trazione, colpire, ecc. Qualunque sia la funzione, le mani e il loro corretto posizionamento dovrebbero ricevere sempre grande attenzione. 

Un altro fattore importante che entra in gioco durante la visualizzazione di un avversario è il posizionamento sia del corpo del praticante che di quello dell'altra persona prima, durante e dopo l'applicazione. Poiché ogni spinta, trazione, o rotazione influenzerà entrambi i corpi in modi diversi, ed è cruciale comprendere il risultato di tutte queste lievi variazioni e gli effetti che avranno su di noi e sull'altro. E' utile non solo visualizzare noi stessi mentre eseguiamo le applicazioni su qualcun altro, ma anche visualizzare le applicazioni che vengono eseguite su di noi. Questo ci da una maggiore comprensione di ciò che accade in entrambi i corpi e di ciò che dovremmo essere in grado di prevedere in ogni situazione.

Anche il posizionamento delle gambe del praticante rispetto a quello dell'opponente dovrebbe essere preso in seria considerazione. Ogni applicazione ha posizioni specifiche delle gambe che posizionano la gamba principale del praticante all'interno o all'esterno della gamba dell'avversario. Ogni singola mossa della forma dovrebbe essere osservata a questo proposito per vedere quale sia la funzione delle gambe e gli effetti che ha sulla configurazione della parte inferiore del corpo dell'altra persona. Questo può essere ulteriormente compreso immaginando che le applicazioni vengano eseguite sul proprio corpo e dove saremmo, a quel punto, naturalmente costretti a fare un passo.

 

È a partire da quando lo studente acquisisce una comprensione pratica di queste dinamiche che il corpo si abituerà a manipolare l'energia delle altre persone e che l'allineamento dello stesso, nell'esecuzione di ogni mossa, sarà rafforzato e sviluppato in modo più preciso.

 

CORSI DI TAI CHI  a PISTOIA, Via Gentile 40, vicino viale Sestini.

                           a FIRENZE, Via delle Porte Nuove 33 e Via de' Marsili 1

                                             

                           Per Info:  Alessandro Niccolai 3473746949

                                                                        semplicemente.tzujan@gmail.com

 

 

 https://taichichuanqigongpistoiafirenzeniccolai.jimdosite.com/