The Professor: Tai Chi's Journey West

 

 

Collaborazione. Tolleranza. Innovazione. Naturalismo. Sono i termini normalmente associati agli insegnamenti di Cheng Man-Ching. Il regista Barry Strugatz ha creato un omaggio amorevole e rispettoso per il maestro.

 

"Il professore", come era noto, fu il primo grande maestro di Tai Chi a far conoscere agli americani ciò che fino ad allora era stato tenuto nascosto in gran segreto alla cultura occidentale. Sentiva che la pratica orientale delle arti interne come il Tai Chi avrebbe dovuto essere accessibile a tutti. Ciò era evidente nella varietà di studenti che erano stati attratti dalle sue lezioni a New York a metà degli anni '60. Ha aperto la strada all'insegnamento dell'arte del Tai Chi come pratica di guarigione, distinta dalle altre arti marziali, come il Karate, il Judo, etc...

Lo stesso Cheng era un esempio vivente dell'energia terapeutica e dei benefici fisici del Tai Chi, poiché riteneva che migliorasse la sua funzione polmonare. Come uno dei suoi studenti dice nel documentario, il Tai Chi gli alleviava il dolore al ginocchio. Ancora un altro, con la poliomielite, aveva trovato uno scarico emotivo grazie alla forma di spada. Due dei miei sifu hanno similmente risolto problemi alla loro struttura grazie alla pratica del Tai Chi e del Qi Gong.

 

Il regista Barry Strugatz costruisce con cura un viaggio cronologico nella vita di Cheng Man-Chin in America, incorniciato da capitoli che definiscono le caratteristiche dell'arte del Tai Chi: naturalismo (Taoismo), rilassamento e semplicità, guarigione, tuishou, Qi (energia) e filosofia. Il numero di ex studenti che hanno partecipato al documentario è una testimonianza dell'impatto di Cheng, ancora oggi anche dopo così tanti anni dalla sua morte. Strugatz, che ha anche studiato Tai Chi, è scrittore e regista. Sia il Newport International Film Festival che lo Stony Brook Film Festival hanno premiato il suo lavoro "Transformation" nel 2000. La sua sceneggiatura ha illuminato la commedia di Jonathan Demme Married To The Mob (Una vedova allegra..ma non troppo) del 1988.

 

Gli studenti di Cheng ricordano anche le altre discipline che il maestro padroneggiava, tra cui la medicina, l'arte e soprattutto la calligrafia, anch'essa uno specchio dell'arte del Tai Chi.

 

“Nella calligrafia cinese, un singolo punto richiede che si formino correttamente fino a cinque distinti movimenti del polso e della spalla, e quello stesso punto verrà formato in modo diverso a seconda di quale delle diverse decine di stili consolidati che hai studiato decidi di applicare. Una volta che sei in grado di dipingere punti, linee, cerchi, devi imparare a metterli insieme in ideogrammi esteticamente bilanciati. Successivamente, impari a scrivere i caratteri separati come se tra loro esistesse una linea invisibile e ininterrotta, per dare loro continuità e vita. "[Mark Saltzman, Iron and Silk, 1987].

 

Cliccare qui sotto per vedere il trailer:

 

https://www.youtube.com/watch?v=Ro7vNLy-PmE

 

https://taichichuanqigongpistoiafirenzeniccolai.jimdosite.com